www.tizianacremesini.it

Ti ricordo che questo blog non viene più aggiornato,
ma puoi continuare a seguirmi sul mio nuovo sito:

www.tizianacremesini.it

Troverai tanti altri articoli interessanti, riflessioni, consigli…

E puoi anche iscriverti alla Newsletter per essere
sempre aggiornato sui nuovi contenuti, o sui miei eventi.

Ti aspetto, per andare al nuovo sito clicca QUI!

Nuovo sito di Ben-Essere Animale!

logo coloratoGrande novità!!

Ben-Essere Animale è cresciuto, ed è diventato un vero e proprio sito, in cui potrete continuare a seguirmi e leggere i miei articoli su questo “mondo peloso” che tanto ci appassiona!

Visita subito il sito:

http://www.tizianacremesini.it

Iscrivendovi alla Newsletter, riceverete una mail periodica che vi avviserà degli eventi in programma, e degli ultimi articoli pubblicati.
Non volete ricevere mail? Tramite l’iscrizione ai Feed RSS, il mio sito verrà salvato nel vostro elenco dei “preferiti”, e un piccolo simbolo di colore diverso vi segnalerà anche quali articoli non sono ancora stati letti.

Niente di più semplice… Vi aspetto tutti, e spero di potervi avere presto fra i miei nuovi a*mici!! =^__^=

 

 

Flehmen: quell’espressione un pò così…

Flehmen: quell'espressione un pò così...

Flehmen: quell’espressione un pò così…

Con quel musetto un pò così, quell’espressione un pò così… ♪ ♫ ♪

Bocca un pò aperta, occhi spalancati: Micio sta fiutando!

«Ti scrivo per una curiosità, forse un po’ sciocca. Mi sono accorta che il mio gatto a volte, dopo aver annusato qualcosa, resta fermo con un espressione strana: la bocca un po’ aperta, gli occhi spalancati. Sembra quasi che stia male, mi fa preoccupare.»
(Giorgia)

Le curiosità non sono mai sciocche, ci fanno progredire e imparare. E in effetti sono tante le persone che ho sentito incuriosite da questo strano atteggiamento felino, che porta un nome ben preciso: Flehmen.

Il Flehmen è una smorfia particolare, che permette al gatto di percepire e analizzare i feromoni presenti nell’ambiente circostante, attraverso la stimolazione dell’organo vomero-nasale. E non solo i gatti lo fanno: anche equini, ungulati e altri mammiferi.

Continua a leggere qui…

Patatino, micio solidale

 

Patatino solidale

Patatino solidale

Patatino Store è il negozio online di chi vuol bene veramente a tutti gli animali. Ve l’ho presentato poco tempo fa, in questo stesso blog: leggi il post.

Nel suo sito potete trovare pappe naturali, vegan e bio, accessori, prodotti per l’igiene, rimedi omeopatici ed olistici: tutto realmente cruelty free.

In occasione della festa del gatto, che si festeggia il 17 febbraio, Patatino ha deciso di devolvere il 3% dei suoi incassi del mese di febbraio a quelle piccole realtà locali che si muovono in maniera autonoma senza appartenere a nessuna associazione animalista.

In Italia ci sono tantissimi volontari che aiutano cani e gatti (e spesso anche altri animali), contando solo sulle proprie forze per cure mediche, per comprare pappe e tutto ciò che occorre per far vivere in modo dignitoso questi piccoli angeli pelosi.

“Sono queste persone che si muovono nell’anonimato che fanno la differenza per tanti pelosi e noi lo sappiamo bene… Quindi abbiamo deciso di devolvere il 3% del nostro incasso di febbraio ai pelosi accuditi da queste persone.
Per motivi logistici abbiamo scelto volontari che operano nel nostro hinterland e in questo modo abbiamo la certezza di dove andrà a finire la pappa.^^”

La donazione sarà sotto forma di pappa e di rimedi veterinario omeopatici.

Miao-grazie a tutti voi che contribuirete.

Per altre info: http://www.patatino.it

Mariah & Angelica

Angelica e Mariah

Angelica e Mariah

“Questa è la storia a lieto fine di un animaletto perseguitato e poi salvato. La storia di una ragazza, adottata da un’amica un po’ insolita.
Ma è anche una storia che parla un po’ di moda, e di come il concetto di bellezza cambi negli anni, passando poi da un estremo all’altro.”

Vi ricordate la storia di Mariah, la nutria fortunata?

Immagino di sì, il suo musetto così ispido e tenero al tempo stesso, ha fatto breccia nel cuore di molte persone. Qualcuno mi ha detto: queste sono le storie che ti fanno ancora credere alla magia, e ti lasciano addosso la sensazione che le favole possano essere vissute anche nella vita quotidiana.

Concordo su tutto. Angelica con la sua bella ingenuità, tipica di chi sta facendo un gesto spontaneo e sincero, ha copiuto un piccolo miracolo.
La storia di Mariah è stata perfino tradotta in spagnolo, da un progetto animalista peruviano.

E anch’io ho voluto ancora scrivere di lei, per regalarvi le parole più belle di Angelica, quelle che raccontano la dolcezza di tutti i giorni vissuti con Mariah, che furbetta ha già imparato ad apprezzare i vantaggi di una vita casalinga, e con Valentino, il coniglietto innamorato.

Leggi il mio articolo su Veg Fashion dedicato a loro.

E poi guarda il VIDEO di Valentino, Mariah, e le corse sul carrellino!

Leishmaniosi canina

Leishmaniosi canina: quali rimedi naturali?

Leishmaniosi canina: quali rimedi naturali?

Giuseppe vuole sapere se esiste una terapia naturale per il suo cane.
«Avrei bisogno di un consiglio su un cane da curare perché affetto da leishmania: sono contrario a somministrargli i farmaci. Mi piacerebbe fargli assumere dei prodotti naturali efficaci! Esiste un prodotto naturale tale da curare questo animale?»

La Leishmaniosi canina è una grave malattia parassitaria trasmessa da un flebotomo, cioè una zanzara che funge da vettore: una volta all’interno dell’organismo ospite, i protozoi (Leishmania) si riproducono e iniziano un processo di diffusione ai vari organi, che sfocerà nel giro di alcuni anni in Leishmaniosi.
L’evoluzione della malattia dipende soprattutto dalle condizioni del sistema immunitario. Le terapia naturali agiscono proprio in questo senso: con una mirata azione immunomodulante e antinfiammatoria, riducono i sintomi e permettono all’animale di convivere con la malattia.

Continua a leggere qui…

Johnny a bordo!

Johnny a bordo!

Johnny a bordo!

Ricevo questa richiesta da Monica:
«Il mio Johnny, un cucciolone di 2 anni, quando va in auto non riesce a rilassarsi e si fa il viaggio sempre in piedi. Non da segni di paura (non sbava e non trema), sta semplicemente in piedi, e a volte si addormenta per poi risvegliarsi quando la testa gli “cade”. Ho provato con il rimedio Rock Rose ma non è servito a nulla. Mi potresti suggerire qualcosa?»

Forse Johnny si sente agitato, dal movimento e dai rumori che non comprende (Impatiens); forse il cambiamento lo fa sentire spaesato, e inutilmente cerca di tenere sotto controllo la situazione (Cherry Plum); potrebbe anche aver collegato il viaggio in auto a qualche evento spiacevole, a cui Monica non ha dato importanza ma che lui ha vissuto come un trauma (Star of Bethlehem).

Continua a leggere qui…

Voci precedenti più vecchie

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.